Ayurveda

 

AYURVEDA

Nel mio lavoro, come psicoterapeuta e naturopata ayurvedica posso suggerire rimedi erboristici da accompagnare al percorso psicoterapeutico. In particolare consiglio dei rimedi erboristici tonici e ringiovanenti rispetto il sistema nervoso che agiscono per predisporre al rilassamento, al buon umore e tonificano  i processi intellettivi e mnemonici

 

L’Ayurveda è una scienza, una filosofia ed un arte di vita che risale ad antiche scritture indiane, i Veda. Ayurveda è la sapienza del saggio vivere, autorealizzarsi e  mantenersi in salute.

L’ayurveda mira al mantenimento della buona salute psicofisica e alla guarigione della malattia.

L’Ayurveda è  una Scienza Olistica in quanto considera l’uomo nella sua interezza e realtà di esistenza e quindi lo considera come una parte del corpo universale, fatto della stessa essenza e degli stessi elementi dell’universo e composto di una parte materiale, una parte emotiva, una parte mentale e una parte spirituale.

La malattia è considerata il risultato di una disarmonia tra  le parti di cui siamo composti (il nostro essere più profondo, la mente, le emozioni, le sensazioni ed il corpo), nonchè tra queste e l’ambiente universale.

L’ayurveda considera la salute come lo specchio di uno stato di armonia interiore e centratura nel proprio essere più profondo.

La Psico-neuro-endocrino-immunologia (PNEI) ha dimostrato in tempi moderni come la componente psichica influenzi tutte le funzioni endocrino metaboliche e immunitarie a mezzo del sistema nervoso.

Il medico ayurvedico cura la persona non la malattia.

I principali valori ayurvedici sono sattva, dharma e svadharma:

  • Sattva fa riferimento alla realizzazione nella vita di alti livelli di purezza, armonia, equilibrio e benevolenza.
  • Dharma si riferisce alle leggi della Verità che governano l’universo e lo tengono in armonia. Il dharma è la legge su cui basare la propria vita perché sia in armonia con l’universo.
  • Svadharma è il dharma individuale ed indica il ruolo e lo scopo specifico di ogni essere individuale.

L’ayurveda descrive l’origine, la manifestazione e composizione di tutti gli elementi di cui sono composti l’universo e l’uomo che simbolicamente vengono distinti in 5 categorie: terra, acqua, fuoco, aria ed etere.

Questi elementi sono energie più sottili delle molecole e degli stessi atomi. Assieme danno forma a tutto ciò che vediamo: alberi, piante, rocce, esseri umani e anche le stagioni. Queste 5 energie, differiscono tra di loro per densità e vibrazione..

Risultati immagini per fuoco acqua aria terra etereL’elemento terra rappresenta tutta la materia visibile solida e conferisce permanenza, stabilità e rigidità.
Nel corpo umano la terra genera i tessuti, le ossa, i denti e la struttura della cellula.

L’acqua la troviamo in tutto ciò che è umido: ad esempio il sangue e i fluidi all’interno e all’esterno delle cellule.

Il fuoco si mostra in tutto ciò che è caldo, acido o ha a che fare con la combustione: ad esempio gli enzimi della digestione o la temperatura corporea.

L’aria è il vento. Mobile e dinamico, nel corpo governa tutte le azioni di movimento interno ed esterno.

Infine l’etere è lo spazio in cui tutte queste cose accadono.

Le costituzioni ayurvediche Vata, Pitta e Kapha rappresentano l’incontro e unione tra l’Anima, l’ energia di vita che interagiscono coi 5 elementi spazio-aria-fuoco-acqua-terra.

 Dosha Vata: composto degli elementi Spazio e Aria, rappresenta il principio che presiede al movimento e dell’attivazione. Esso controlla tutte le funzioni del sistema nervoso e presiede alle funzioni del sistema respiratorio e circolatorio, dell’apparato di locomozione e degli organi escretori.  Vata si occupa del controllo della mente e dei sensi, la chiarezza, la vigilanza, l’entusiasmo e la vitalità.  Le sue caratteristiche principali sono: leggero, instabile, freddo, secco, ruvido, irregolare e mobile.

Risultati immagini per fuoco acqua aria terra etereDosha Pitta: composto degli elementi Fuoco e Acqua rappresenta il principio che presiede alla digestione ed al metabolismo, alla trasformazione e alla produzione di energia e calore. Controlla le funzioni digestive e metaboliche attraverso il meccanismo della regolazione ormonale. Regola l’energia, la temperatura, l’intelligenza e il controllo delle emozioni. Le sue caratteristiche principali sono: caldo, untuoso, liquido, acido, piccante,  acuto, leggermente maleodorante.

Dosha Kapha: composto degli elementi Acqua e Terra presiede alla coesione e alla struttura. Preserva l’integrità dei tessuti e dell’organismo nella sua totalità mediante il controllo delle funzioni immunitarie. Governa l’equilibrio dei fluidi a livello cellulare e tessutale, promuove la crescita bilanciata del corpo. E’ deputato alla forza, alla stabilità, dona un temperamento calmo e buona memoria Le sue caratteristiche principali sono: pesante, stabile, unto e lento.

La diagnosi ayurvedica si basa sul riconoscimento della costituzione individuale e dei suoi squilibri e viene attuata attraverso la lettura dei sintomi e dei segni, nonché la lettura del polso.

La lettura del polso (Nadi Vigyan) si basa sulla percezione e interpretazione del battito cardiaco percepito dalle dita indice medio e anulare sull’arteria radiale nel polso.

Questa tecnica è riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità ed è usata per una profonda e precoce diagnosi e lettura degli squilibri psicofisiologici.

 

L’Ayurveda si occupa di mantenere o riportare in armonia l’essere umano: da un lato si occupa di purificare ed integrare armoniosamente la mente, le emozioni ed il corpo e dall’altro facilita  il graduale svelarsi del Sè Profondo, o Anima.   L’Ayurveda comprende diverse branche che riflettono il suo approccio globale: medicina, erboristeria, alimentazione, terapie di purificazione e ringiovanimento, psicologia spirituale, educazione su stili di vita adeguati, ecc.

 

*Veda sono considerati i libri della conoscenza. Si ritiene che risalgano almeno a 6000 anni fa e che siano il risultato, la trascrizione, tramite un linguaggio simbolico e analogico, di un qualcosa che è stato rivelato ed esperito da dei saggi (i Rishi) come frutto di un’esperienza altra da quella della coscienza ordinaria umana e si ritiene che tale esperienza permise loro di conoscere la più alta Verità dell’esistenza. In ragione della loro origine i Veda sono considerati nella tradizione una conoscenza Eterna e perfetta. Essi riflettono una visione totale del mondo comprendente aspetti della creazione, della metafisica, della filosofia, dell’etica, della religione e della medicina.